22 Luglio 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
NCC-GiorgioMarti-header

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Passando per Capestrano (da il Palindromo del Tempo) di Francesco Pasca M’avviai di buon’ora per Capestrano e, di lì a poco, ne sarei stato avvolto. Giunsi così presso la chiesa di San Pietro ad Oratorium, nel territorio del guerriero etrusco, nella valle Tritana, a sinistra del fiume Tirino. M’apprestavo alla visione di un Luogo magico, carico di aura antica ed altrettanto attuale. Il più strano dei palindromi era qui collocato in una maniera inusuale, capovolto e ben visibile sulla facciata, ad altezza d'uomo, con caratteri ben incisi e recitanti: ROTAS OPERA TENET AREPO SATOR. La disposizione letteraria delle venticinque lettere si manifestava differente rispetto ad altri Sator presenti sul

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Contro il fondo di Stefano Zuccalà È il momento in cui lui si allontana. Senza voltarsi. È il momento in cui il cappotto scivola via dai contorni tutt’attorno. Il momento in cui basterebbe una sola parola. Una parola di merda, o soltanto un cenno. Congedarsi con gentilezza, e sparire. Fare un occhiolino al primo viso che capita, e sparire. Ma non è andata così. Le comparse stasera hanno dato davvero il meglio di sé. Durante la festa non hanno fatto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Lo scorrere delle parole si intreccia con le strade sotto i nostri piedi, appollaiate le nostre speranze fra le esistenze resistenze diverse, in quell'abitare spazi che - senza confine - hanno la ritmicità dello scorrere dei giorni e si aprono. Nuovi ogni volta. Ma che come echi di voci sembrano ripetersi, ogni volta come la prima. All'orizzonte del debutto.(f. a.)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Avrò tempo per leggere le ultime notizie. Tempo per dimenticarmi del mondo scorticandomi col filo spinato delle parole degli altri. Avrò tempo, socchiuderò la finestra e berrò un caffè bruciante pensando alle centrali nucleari. Avrò tempo per sentire il corpo arretrare fino al margine dei desideri conclamati. Se busseranno alla porta resterò immobile, in attesa. Avrò tempo per un respiro strozzato che sappia la grazia di una risposta non

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Dopo "La Mano" un altro racconto di Ennio Canallegri tocca le pagine virtuali della rubrica letteraria di www.salentoinlinea.it. Nella virtualità del pensiero che si manifesta reale nella scrittura, nelle coincidenze sonore delle parole, dove si incontrano nel nuovo millennio parole e suoni, sul tragitto di un verbo/suono si fondono immagini e suoni, la musica che genera e si genera dal testo. Fra Tom Waits, Karl Marx, Ennio Canallegri. Fra ieri oggi e domani. Tutto il tempo

NCC-GiorgioMarti
Banner promozionale - Bottom
© 2019 Salento in Linea
I Cookies ci permettono di offrirti i nostri servizi nel miglior modo possibile. Continuando la navigazione sul nostro sito ci autorizzi all'utilizzo dei cookies.
Ok