20 Luglio 2024

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Banner-Libero-header

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Quando una passione si trasforma in un lavoro innovativo e nel proprio futuro. Quello di Andrea Sambati passa attraverso l’informatica, materia che lo ha da sempre appassionato, e che da Caprarica di Lecce, suo paese natale, lo ha portato sino a San Francisco, dove ha fondato la Memento. La sua particolarità? I «giocattoli educativi», ovvero come applicare l’intelligenza artificiale ai giocattoli, mantenendo salde le radici con il gioco tradizionale.  Andrea, cosa sono i tuoi “giocattoli educativi”? «L’azienda che ho fondato e che dirigo in qualità di amministratore unico è specializzata nella creazione, produzione e commercializzazione di giocattoli educativi. Educativi perché incoraggiano l’attività fisica, migliorano la coordinazione

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
Il 23 maggio 1989 veniva a mancare Franco Perulli, tenore lirico leccese, indimenticabile interprete di opere del repertorio lirico leggero, come L’elisir d’amore, La favorita e Don Pasquale di Gaetano Donizetti, Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini e molte altre ancora. Nato a Lecce il 12 maggio 1899, Perulli dopo i primi studi in città si forma al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, perfezionandosi poi a Milano con il celebre maestro Pettinella, lo stesso di Tito Schipa. La

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Ricorre il 50mo anniversario della morte di Vittorio Bodini, per l’occasione la città di Lecce dedica un percorso culturale nei luoghi leccesi cari all’illustre poeta e letterato salentino. I versi delle più celebri poesie dedicate alla nostra terra raccontano, in 10 tappe, i luoghi leccesi cari al poeta. Dalla ex via De Angelis al civico 33 in cui visse da bambino alla Chiesa delle Scalze, Porta Napoli, Basilica di S. Croce, Porta San Biagio, la Chiesa del Rosario, Porta Rudiae, Chiesa dei

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Dal 13 settembre apre al pubblico il Fondo Carmelo Bene nelle sale del Convitto Palmieri, con la presentazione alle ore 9.30 e la prima visita alle ore 11.00. Il Fondo Bene custodisce un archivio di libri, documenti, abiti di scena, appunti, fotografie e molto altro. Ben 22 abiti di scena, 5000 volumi della sua biblioteca personale, libri rari di storia dell'arte, teatro, storia e letteratura, dove si possono leggere suoi appunti scritti a mano, oggetti e arredi teatrali e personali, e altri

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
2. La reiterazione dei tòpoi letterari in Antonio Verri, inquadrabili nei termini di struttura poetico-narrativa, contribuisce a modellare l’opera sui piani del processo. Il tema dell’incompiuto, del non finito, anima e attraversa la scrittura verriana. In questo senso, dalla prima prova poetica, “Il pane sotto la neve” (1983), al postumo “Bucherer l’orologiaio” (1995) il cerchio si chiude solo all’apparenza: sta di fatto che l’opera permane come incompiuta. Il progetto del “Declaro”, il libro

libero
Banner promozionale - Bottom
© 2008 - 2024 Salento in Linea