13 Agosto 2020

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Banner-Libero-header

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Percorrendo il litorale adriatico che da San Cataldo conduce a S. Foca ci si può fermare presso una delle più importanti zone umide del Salento: "le Cesine". Si può anche giungere attraversando quel che rimane di un’antica strada romana che collegava Lecce al borgo fortificato di Acaya e il secondo tratto che collega il magnifico castello alle Oasi. Sono spazi che palpitano ancora di episodi medievali tra crociate templari e navigli islamici, di umili barche di pescatori e di ulivi millenari un tempo zone incolte e abbandonate. La riserva naturale dello Stato intorno alla Masseria e la cinquecentesca torre che rende il nome al luogo, si estende per circa 620 ettari e rappresenta l’ultimo tratto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Continuando il nostro viaggio tra i Manieri, le Fortezze ed i Castelli del Salento che, pur non essendo infestati da fantasmi o vampiri di sorta, conservano intatto un fascino d'altri tempi, ve ne indichiamo alcuni che meritato una visita, anche breve.  Il primo che vi segnaliamo è il  cinquecentesco Castello dei Castriota a Parabita. Ricordiamo che il centro di Parabita è molto antico; in una grotta sono stati ritrovati dei reperti risalenti alla preistoria (le due

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Situata alla periferia di Guagnano, in prossimità del casello ferroviario del paese, sorge l’eremo di Vincent Brunetti nonché “Vincent City”: il luogo dell’anima. Un percorso cicloturistico facilita l’accesso agli amanti delle due ruote che pedalando fra le vie di campagna sono attratte dal museo del celebre artista soprannominato “la libellula del Sud”. A raggiungere il suo santuario sono in molti che quotidianamente (in particolare la

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Tra i tanti paesi del Salento, ognuno con le sue caratteristiche che lo contraddistinguono, merita una visita il Comune di Copertino. Posto nell'entroterra salentino, immerso tra gli ulivi, a pochi km da Lecce (a sud-ovest), Copertino è un rinomato centro prevalentemente agricolo. Ottima la sua produzione di uva e di vino. Con i suoi circa 24mila abitanti, Copertino è il terzo centro salentino dopo Nardò e Galatina. Nel Comune vi è anche un importante polo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Le pajare sono meno conosciute dei trulli ma hanno la stessa funzione e tecnica di edificazione che rispetta i canoni della bioedilizia perchè l'utilizzo di materiale naturale, come la pietra garantisce alla fine del ciclo vitale, il ritorno al sistema produttivo senza incidere sull’ambiente diventando un vero e proprio prodigio d’ingegneria. Le pietre incastrate si restringono sempre di più fino a chiudere il soffitto con una sola grande pietra, alcune risultano

Banner promozionale - Bottom
© 2020 Salento in Linea
I Cookies ci permettono di offrirti i nostri servizi nel miglior modo possibile. Continuando la navigazione sul nostro sito ci autorizzi all'utilizzo dei cookies.
Ok